Pneumobase.it
Tumore polmone
Esmr
OncoPneumologia

Predittori di una maggiore risposta con Benralizumab per i pazienti con asma grave: analisi aggregata degli studi SIROCCO e CALIMA


Benralizumab ( Fasenra ) è un anticorpo monoclonale anti-eosinofilo e anti-recettore alfa della interleuchina-5 che ha dimostrato di ridurre significativamente le riacutizzazioni dell'asma e migliorare la funzionalità polmonare nei pazienti con asma grave e incontrollato.
È stata ulteriormente esaminata l'efficacia di Benralizumab nei pazienti con differenti soglie di eosinofili nel sangue e storie di esacerbazione.

È stata effettuata un'analisi aggregata dei risultati degli studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo di fase 3 SIROCCO e CALIMA.
In questi studi, i pazienti con asma grave non controllato sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 30 mg di Benralizumab per via sottocutanea ogni 4 settimane o ogni 8 settimane con le prime tre dosi somministrate ogni 4 settimane, oppure placebo ogni 4 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di esacerbazione annuale ( AER ) rispetto al placebo, analizzato dalla conta degli eosinofili al basale ( maggiore o uguale a 0, maggiore o uguale a 150, maggiore o uguale a 300 o maggiore o uguale a 450 cellule per microl ) e dal numero di esacerbazioni ( 2 vs 3 o più ) durante l’anno prima dell'iscrizione.

Su 2.295 pazienti, 756 hanno ricevuto Benralizumab ogni 4 settimane, 762 hanno ricevuto Benralizumab ogni 8 settimane e 777 pazienti hanno ricevuto placebo.

Il tasso di esacerbazione annuale tra i pazienti con conta eosinofila nel sangue al basale di almeno 0 cellule per microl è stato di 1.16 in pazienti che hanno ricevuto placebo rispetto a 0.75 in pazienti che hanno ricevuto Benralizumab ogni 8 settimane ( rate ratio, RR=0.64; P minore di 0.0001 ).

Nei pazienti trattati con Benralizumab ogni 4 settimane con conta eosinofila pari a 0 o più cellule per microl, il tasso di esacerbazione annuale è stato pari a 0.73; il rate ratio rispetto al placebo è stato 0.63 ( P minore di 0.0001 ).
La misura in cui sono stati ridotti i tassi di esacerbazione è aumentata con l'aumento delle soglie di eosinofili nel sangue e con una maggiore storia di esacerbazione nei pazienti nei gruppi con Benralizumab ogni 4 settimane e ogni 8 settimane.

Questi risultati aiuteranno i medici a decidere se usare Benralizumab per trattare i pazienti con asma eosinofilo grave e incontrollato. ( Xagena2018 )

FitzGerald JM et al, Lancet Respir Med 2018; 6: 51-64

Pneumo2018 Farma2018


Indietro