Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
Tumore polmone

Mepolizumab in pazienti con asma eosinofila grave


Alcuni pazienti con asma grave presentano frequenti riacutizzazioni associate a infiammazione eosinofila persistente nonostante il trattamento continuo con glucocorticoidi per via inalatoria ad alte dosi con o senza glucocorticoidi orali.

In uno studio randomizzato, in doppio cieco, double-dummy, 576 pazienti con esacerbazioni asmatiche ricorrenti ed evidenza di infiammazione eosinofila nonostante la somministrazione di alte dosi di glucocorticoidi per via inalatoria sono stati assegnati a uno dei tre gruppi di studio.
I pazienti sono stati assegnati a ricevere Mepolizumab ( Bosatria ), un anticorpo monoclonale umanizzato contro l'interleuchina-5 ( anti-IL-5 ), somministrato a una dose di 75 mg per via endovenosa o per via sottocutanea a una dose di 100 mg, oppure placebo ogni 4 settimane per 32 settimane.

L'esito primario era il tasso di esacerbazioni.
Altri endpoint includevano il volume espiratorio forzato in 1 secondo ( FEV1 ) e punteggi alla scala SGRQ ( St. George’s Respiratory Questionnaire ) e alla scala ACQ-5 ( 5-item Asthma Control Questionnaire ).
È stata anche valutata la sicurezza.

Il tasso di esacerbazioni si è ridotto del 47% tra i pazienti trattati con Mepolizumab per via endovenosa e del 53% tra coloro che hanno ricevuto Mepolizumab sottocutaneo, rispetto ai soggetti trattati con placebo ( P minore di 0.001 per entrambi i confronti ).

Le riacutizzazioni con necessità di una visita al Pronto soccorso o ricovero d'urgenza si sono ridotte del 32% nel gruppo trattato con Mepolizumab endovenoso e del 61% nel gruppo trattato con Mepolizumab sottocutaneo.

Alla settimana 32, l'aumento medio rispetto al basale di FEV1 è aumentato di 100 ml nei pazienti trattati con Mepolizumab per via endovenosa rispetto a quelli trattati con placebo ( P=0.02 ) e di 98 ml nei pazienti trattati con Mepolizumab per via sottocutanea rispetto a quelli trattati con placebo ( P=0.03 ).

Il miglioramento rispetto al basale del punteggio alla scala SGRQ è stato di 6.4 punti e 7.0 punti in più nei gruppi con Mepolizumab, rispettivamente, per via endovenosa e per via sottocutanea, rispetto al gruppo placebo ( minimo cambiamento clinicamente importante, 4 punti ), e il miglioramento del punteggio alla scala ACQ-5 è stato di 0.42 punti e 0.44 punti in più nei due gruppi con Mepolizumab, rispetto al gruppo placebo ( minimo cambiamento clinicamente importante, 0.5 punti ) ( P minore di 0.001 per tutti i confronti ).

Il profilo di sicurezza di Mepolizumab è stato simile a quello del placebo.

In conclusione, Mepolizumab somministrato per via endovenosa o per via sottocutanea ha ridotto significativamente le riacutizzazioni di asma ed è stato associato a un miglioramento negli indicatori di controllo dell'asma. ( Xagena2014 )

Ortega HG et al, N Engl J Med 2014;371:1198-1207

Pneumo2014 Farma2014


Indietro