Pneumobase.it
Tumore polmone
OncoPneumologia
Esmr

Fevipiprant, un antagonista del sottotipo recettoriale 2 della prostaglandina D2, nei pazienti con asma eosinofila persistente


L’infiammazione eosinofila delle vie aeree è spesso presente nei casi di asma, e la riduzione di tale infiammazione risulta nel miglioramento degli esiti clinici.
Si è ipotizzato che Fevipiprant, un antagonista del sottotipo 2 del recettore della prostaglandina D2, possa ridurre l'infiammazione eosinofila delle vie aeree nei pazienti con asma eosinofila da moderata a grave.

È stato effettuato uno studio in doppio cieco, a gruppi paralleli, controllato con placebo presso il Glenfield Hospital ( Leicester, UK ).

Sono stati reclutati pazienti con asma persistente da moderata a grave e un conteggio degli eosinofili nell'espettorato elevato ( 2% o superiore ).
Dopo 2 settimane con placebo in singolo cieco, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Fevipiprant ( 225 mg due volte al giorno per via orale ) oppure placebo, stratificando per l'uso del trattamento con corticosteroidi orali e per la broncoscopia.
Il periodo di trattamento di 12 settimane è stato seguito da un periodo di washout in singolo cieco con placebo di 6 settimane.

L'esito primario era la variazione percentuale di eosinofili nell'espettorato dal basale a 12 settimane dopo il trattamento, analizzato nella popolazione intention-to-treat.
Tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio sono stati inclusi nelle analisi di sicurezza.

Tra il 2012 e il 2013, 61 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Fevipiprant ( n=30 ) oppure placebo ( n=31 ).
3 pazienti del gruppo Fevipiprant e 4 pazienti nel gruppo placebo si sono ritirati a causa di esacerbazioni asmatiche.
A 2 pazienti del gruppo Fevipiprant è stato erroneamente somministrato il placebo ( uno alla visita a metà trattamento e uno nel corso dello studio ). Sono stati entrambi inclusi nel gruppo Fevipiprant per l'analisi primaria, ma il paziente a cui è stato erroneamente dato il placebo nel corso dello studio è stato incluso nel gruppo placebo per le analisi di sicurezza.

Tra il basale e 12 settimane dopo il trattamento, la percentuale di eosinofili nell’espettorato è diminuita da una media geometrica di 5.4% a 1.1% nel gruppo Fevipiprant e dal 4.6% al 3.9% nel gruppo placebo.

Rispetto al basale, la percentuale media di eosinofili nell’espettorato si è ridotta di 4.5 volte nel gruppo Fevipiprant e 1.3 volte nel gruppo placebo ( differenza tra i gruppi 3.5 volte, P=0.0014 ).

Fevipiprant ha presentato un profilo di sicurezza favorevole, senza decessi o gravi eventi avversi riportati.

Nessun ritiro dei pazienti è stato giudicato correlato al farmaco in studio.

Fevipiprant ha ridotto l'infiammazione eosinofila delle vie aeree, ed è risultato ben tollerato nei pazienti con asma persistente da moderata a grave e aumentata conta degli eosinofili nell’espettorato nonostante il trattamento con corticosteroidi per via inalatoria. ( Xagena2016 )

Gonem S et al, Lancet Respiratory Medicine 2016; 4: 699-707

Pneumo2016 Farma2016


Indietro