Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it

FeNO basale come biomarcatore prognostico per successive riacutizzazioni asmatiche gravi nei pazienti con asma non-controllato, da moderato a grave che ricevono placebo nello studio LIBERTY ASTHMA QUEST


L'Ossido nitrico esalato frazionato ( FeNO ) ha un potenziale come biomarcatore prognostico nell'asma, ma il suo valore prognostico tra gli altri indicatori riconosciuti non è ben definito.
È stato valutato il valore prognostico aggiunto di FeNO basale alla conta degli eosinofili nel sangue e alle precedenti esacerbazioni asmatiche gravi per le esacerbazioni successive.

In una analisi post-hoc dello studio LIBERTY ASTHMA QUEST di fase 3 di 52 settimane, in doppio cieco, sono stati identificati 620 pazienti con asma da moderato a grave che sono stati assegnati in modo casuale al placebo; avevano asma incontrollato con glucocorticoidi per via inalatoria più fino a due controllori; una o più riacutizzazioni nell'anno precedente; FEV1 previsto 40-80%; reversibilità di FEV1 del 12% o superiore e 200 ml; punteggio Asthma Control Questionnaire ( ACQ-5 ) di 1.5 o superiore; e dati completi sui biomarcatori di tipo 2 al basale ( FeNO, eosinofili e IgE totali ) senza requisiti minimi al basale.

Il tasso annualizzato di esacerbazioni gravi è stato valutato in base a FeNO basale ( inferiore a 25 ppb, da 25 o superiore a inferiore a 50 ppb, 50 ppb o superiore; modello binomiale negativo ) e classificato in base agli eosinofili nel sangue al basale ( inferiore a 150 cellule per microl, da maggiore o uguale a 150 a inferiore a 300 cellule per microlitro, maggiore o uguale a 300 cellule per microl ) e precedenti esacerbazioni ( uno, due o più ), tutti regolati per ACQ-5 basale, FEV1 post-broncodilatatore e altre caratteristiche cliniche. Sono state effettuate analisi post-hoc nella popolazione intent-to-treat ( ITT ).
I pazienti con FeNO basale di 50 ppb o superiore ( n=144 ) hanno avuto un tasso di riacutizzazione 1.54 volte superiore rispetto ai pazienti con FeNO inferiore a 25 ppb ( n=291; rischio relativo 1.54; P=0.0097 ).

I pazienti con FeNO basale da 25 a inferiore a 50 ppb ( n=185 ) hanno avuto un tasso di riacutizzazione 1.33 volte superiore rispetto ai pazienti con FeNO inferiore a 25 ppb ( 1.33; P=0.0572 ).

I pazienti con FeNO basale di 25 ppb o superiore, una conta degli eosinofili nel sangue di 150 cellule per microl o superiore e due o più riacutizzazioni precedenti ( n=157 ) hanno avuto un tasso di esacerbazione 3.62 volte superiore rispetto ai pazienti con FeNO inferiore a 25 ppb, una conta degli eosinofili nel sangue inferiore a 150 cellule per microl e una precedente esacerbazione ( n=116; 3.62; P=0.0011 ).

Nell'asma non-controllato, da moderato a grave, livelli basali di FeNO più elevati sono stati associati a un rischio maggiore di esacerbazioni asmatiche gravi, in particolare in combinazione con un'elevata conta degli eosinofili e precedenti esacerbazioni, a sostegno del valore aggiunto di FeNO come biomarcatore prognostico.
Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare FeNO come predittore indipendente di esacerbazioni dell'asma. ( Xagena2021 )

Busse WW et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 1165-1173

Pneumo2021



Indietro