GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
OncoPneumologia

Efficacia e sicurezza di Itepekimab nei pazienti con asma da moderato a grave


Gli anticorpi monoclonali mirati a immunoglobuline E ( IgE ), interleuchina-4 ( IL-4 ) e interleuchina-13 ( IL-13 ) e interleuchina-5 ( IL-5 ) sono efficaci nel trattamento dell'asma di tipo 2 grave, ma sono necessari nuovi target.

Itepekimab è un nuovo anticorpo monoclonale contro la citochina interleuchina-33 ( IL-33 )a monte.
L'efficacia e la sicurezza di Itepekimab in monoterapia, così come in combinazione con Dupilumab, nei pazienti con asma non sono ben definite.

In uno studio di fase 2, sono stati assegnati in modo casuale, adulti con asma da moderato a grave che ricevevano glucocorticoidi per via inalatoria più beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) a ricevere Itepekimab per via sottocutanea ( a una dose di 300 mg ), Itepekimab più Dupilumab ( entrambi a 300 mg; terapia di combinazione ), Dupilumab ( 300 mg ) oppure placebo ogni 2 settimane per 12 settimane.

Dopo la randomizzazione, LABA è stato interrotto alla settimana 4 e i glucocorticoidi inalatori sono stati ridotti nelle settimane 6-9.

L'endpoint primario era un evento che indicava una perdita del controllo dell'asma, valutato nel gruppo Itepekimab e nel gruppo di combinazione, rispetto al placebo gruppo.
Gli endpoint secondari e di altro tipo includevano la funzione polmonare, il controllo dell'asma, la qualità di vita, i biomarcatori di tipo 2 e la sicurezza.

In totale 296 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione.

Entro 12 settimane, un evento che indicava una perdita del controllo dell'asma si è verificato nel 22% dei pazienti nel gruppo Itepekimab, nel 27% di quelli nel gruppo di combinazione e nel 19% di quelli nel gruppo Dupilumab, rispetto al 41% di quelli nel gruppo placebo; i corrispondenti odds ratio ( OR ), rispetto al placebo, sono stati i seguenti: nel gruppo Itepekimab, 0.42 ( P=0.02 ); nel gruppo di combinazione, 0.52 ( P=0.07 ); e nel gruppo Dupilumab, 0.33.

Rispetto al placebo, il volume espiratorio forzato in 1 secondo prima dell'uso del broncodilatatore è aumentato con le monoterapie di Itepekimab e Dupilumab ma non con la terapia di combinazione.

Il trattamento con Itepekimab ha migliorato il controllo dell'asma e la qualità di vita, rispetto al placebo, e ha portato a una maggiore riduzione della conta media degli eosinofili nel sangue.

L'incidenza di eventi avversi è stata simile in tutti e quattro i gruppi di studio.

Il blocco dell'interleuchina-33 con Itepekimab ha portato a una minore incidenza di eventi che indicano una perdita del controllo dell'asma rispetto al placebo e a un miglioramento della funzione polmonare nei pazienti con asma da moderato a grave. ( Xagena2021 )

Wechsler ME et al, N Engl J Med 2021; 385: 1656-1668

Pneumo2021 Farma2021


Indietro