Pneumobase.it
Esmr
Tumore polmone
OncoPneumologia

Efficacia e sicurezza di Dupilumab per asma grave dipendente da glucocorticoidi


Dupilumab ( Dupixent ) è un anticorpo monoclonale completamente umano anti-recettore alfa della interleuchina-4 che blocca sia l'interleuchina-4 ( IL-4 ) che la via di segnale di interleuchina-13 ( IL-13 ).
La sua efficacia nel ridurre l'uso orale di glucocorticoidi nei pazienti con asma grave, pur mantenendo il controllo dell'asma, è sconosciuta.

Sono stati assegnati a caso 210 pazienti con asma trattato con glucocorticoidi per via orale a ricevere Dupilumab aggiuntivo ( alla dose di 300 mg ) oppure placebo ogni 2 settimane per 24 settimane.
Dopo un periodo di aggiustamento della dose di glucocorticoidi prima della randomizzazione, le dosi di glucocorticoidi sono state aggiustate con una tendenza al ribasso dalla settimana 4 alla settimana 20 e quindi mantenute a una dose stabile per 4 settimane.

L'endpoint primario era la riduzione percentuale della dose di glucocorticoidi alla settimana 24. Gli endpoint secondari erano la proporzione di pazienti alla settimana 24 con una riduzione di almeno il 50% della dose di glucocorticoidi e la proporzione di pazienti con una riduzione a un dose di glucocorticoidi inferiore a 5 mg al giorno.
Sono stati anche valutati i tassi di esacerbazione grave e il volume espiratorio forzato in 1 secondo ( FEV1 ) prima dell'uso dei broncodilatatori.

La variazione percentuale della dose di glucocorticoidi è stata del -70.1% nel gruppo Dupilumab, rispetto al -41.9% nel gruppo placebo ( P minore di 0.001 ); l'80% rispetto al 50% dei pazienti ha avuto una riduzione della dose di almeno il 50%, il 69% rispetto al 33% ha avuto una riduzione della dose inferiore a 5 mg al giorno e il 48% rispetto al 25% ha completamente interrotto l'assunzione orale di glucocorticoidi.

Nonostante la riduzione della dose di glucocorticoidi, nella popolazione generale, il trattamento con Dupilumab ha determinato un grave tasso di esacerbazione che è stato del 59% inferiore a quello nel gruppo placebo e ha portato a un FEV1 di 0.22 litri più alto.

Le reazioni al sito di iniezione sono state più comuni con Dupilumab che con placebo ( 9% vs 4% ).
Eosinofilia ematica transitoria è stata osservata in più pazienti nel gruppo Dupilumab rispetto al gruppo placebo ( 14% vs 1% ).

In conclusione, nei pazienti con asma grave glucocorticoide-dipendente, il trattamento con Dupilumab ha ridotto l'uso orale di glucocorticoidi diminuendo il tasso di esacerbazioni gravi e aumentando FEV1. 
L'eosinofilia transitoria è stata osservata in circa 1 su 7 pazienti trattati con Dupilumab. ( Xagena2018 )

Rabe KF et al, N Engl J Med 2018; 378: 2475-2485

Pneumo2018 Farma2018


Indietro