Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
Tumore polmone

Effetto di una integrazione di isoflavoni di soia sulla funzione polmonare ed esiti clinici nei pazienti con asma scarsamente controllata


Gli integratori di isoflavoni della soia sono utilizzati per il trattamento di diverse malattie croniche, anche se i dati necessari al loro uso sono limitati.
Alcuni dati suggeriscono che l’integrazione con isoflavoni di soia può rappresentare un trattamento efficace per i pazienti con scarso controllo dell'asma.

Si è cercato di determinare se un integratore di isoflavoni di soia fosse in grado di migliorare il controllo dell'asma nei pazienti adolescenti e adulti con malattia scarsamente controllata.

È stato condotto uno studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo nel periodo 2010-2012 presso 19 Centri pneumologici e allergologici in adulti e bambini facenti parte del network American Lung Association Asthma Clinical Research Centers.

Un totale di 386 adulti e bambini da 12 anni o età superiore, affetti da asma sintomatico durante l'assunzione di un farmaco di controllo e basso apporto di soia nella dieta, sono stati randomizzati, e 345 ( 89% ) hanno completato la spirometria alla settimana 24.

I partecipanti sono stati assegnati in modo random a ricevere integrazioni di isoflavoni di soia contenenti 100 mg di isoflavoni totali ( n=193 ) oppure placebo ( n=193 ) in 2 dosi divise somministrate ogni giorno per 24 settimane.

L'esito primario era rappresentato dal cambiamento del volume espiratorio forzato nel primo secondo ( FEV1 ) a 24 settimane.
Gli esiti secondari erano i sintomi, gli episodi di scarso controllo dell'asma, il punteggio Asthma Control Test ( range, 5-25; i punteggi più elevati indicano un migliore controllo ) e i biomarcatori sistemici e delle vie aeree di infiammazione.

I cambiamenti medi in FEV1 pre-broncodilatatori in 24 settimane sono stati 0.03 litri nel gruppo placebo e 0.01 litri nel gruppo di isoflavoni di soia, non significativamente differenti ( P=0.36 ).

Le variazioni medie nei punteggi dei sintomi all’Asthma Control Test ( placebo, 1.98 vs isoflavoni di soia, 2.20; i valori positivi indicano una riduzione dei sintomi ), il numero di episodi di scarso controllo dell'asma ( placebo, 3.3 vs isoflavoni di soia, 3.0 ) e i cambiamenti nell’ossido nitrico esalato ( placebo, -3.48 ppb vs isoflavoni di soia, 1.39 ppb ) non sono significativamente migliorati con l’integrazione di isoflavoni di soia rispetto al placebo.

Il livello medio di genisteina plasmatica è aumentato da 4.87 ng/m a 37.67 ng/ml (P minore di 0.001) nei soggetti che hanno ricevuto l’integrazione.

In conclusione, tra gli adulti e i bambini di 12 anni di età o maggiore con asma scarsamente controllato durante l'assunzione di un farmaco di controllo, l'uso di un integratore di isoflavoni di soia, rispetto al placebo, non ha comportato un miglioramento della funzione polmonare o degli esiti clinici.
I risultati suggeriscono che questo integratore non dovrebbe essere usato per i pazienti con asma scarsamente controllato. ( Xagena2015 )

Smith LJ et al, JAMA 2015; 313: 2033-2043

Pneumo2015 Farma2015


Indietro