Pneumobase.it
OncoPneumologia
Tumore polmone
Esmr

Asma eosinofila grave trattata con Mepolizumab stratificato per soglie basali di eosinofili


Risultati di precedenti studi hanno dimostrato che Mepolizumab ( Nucala ) riduce significativamente il tasso di esacerbazioni nei pazienti con forma grave di asma eosinofila.

Per valutare il rapporto tra conta ematica degli eosinofili al basale ed efficacia di Mepolizumab è stata effettuata una analisi secondaria dei dati provenienti da due studi, stratificando i pazienti con diverse soglie di eosinofili nel sangue al basale.

L’analisi post-hoc dei dati, che è stata completata nel 2015, ha riguardato due studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo, di almeno 32 settimane di durata, DREAM e MENSA, effettuati nel periodo 2009-2014.

In questi studi, Mepolizumab ( DREAM: 75 mg, 250 mg o 750 mg per via endovenosa; MENSA: 75 mg per via endovenosa o 100 mg per via sottocutanea ), rispetto al placebo, è stato somministrato a intervalli di 4 settimane in aggiunta alla terapia standard ( corticosteroidi per via inalatoria ad alta dose, più uno o più controller aggiuntivi con o senza corticosteroidi orali ogni giorno ) a pazienti di 12 anni o più anziani con una diagnosi clinica di asma, una storia di almeno due riacutizzazioni nell'anno precedente che avevano richiesto trattamento con corticosteroidi sistemici, ed evidenza di infiammazione eosinofila delle vie aeree.

L'endpoint primario in entrambi gli studi era il tasso annuale di esacerbazioni clinicamente significative ( definito come peggioramento dell'asma che ha richiesto l'uso di corticosteroidi sistemici, o il ricovero in ospedale, o una visita di emergenza, o una combinazione di questi eventi ).

Nella analisi, l'esito primario era il tasso annualizzato di esacerbazioni nei pazienti stratificati per conta degli eosinofili al basale ( 150 o più cellule per mcl, 300 o più cellule per mcl, 400 o più cellule per mcl, e 500 o più cellule per mcl ) e i range basali di eosinofili nel sangue ( inferiore a 150 cellule per mcl, 150 o più cellule per mcl fino a meno di 300 cellule per mcl, 300 o più cellule per mcl fino a meno di 500 cellule per mcl, e 500 o più cellule per mcl ).

Dei 1.192 pazienti, 846 avevano ricevuto Mepolizumab e 346 placebo.

Il tasso globale di esacerbazioni medie per persona per anno è stato ridotto da 1.91 con il placebo a 1.01 con Mepolizumab ( 47%; rate ratio, RR=0.53, P minore di 0.0001 ).

La riduzione del tasso di esacerbazione con Mepolizumab, versus placebo, è aumentata progressivamente dal 52% ( 0.48 ) nei pazienti con conta degli eosinofili nel sangue al basale di almeno 150 cellule per mcl, al 70% ( 0.30 ) nei pazienti con un valore basale di almeno 500 cellule per mcl.
A una conta basale minore di 150 cellule per mcl, l’efficacia predetta di Mepolizumab è risultata ridotta.

L’analisi ha mostrato una stretta relazione tra conta degli eosinofili ematici al basale e l’efficacia clinica di Mepolizumab nei pazienti con forma grave di asma eosinofila e una storia di esacerbazioni.
Si è notata una riduzione clinicamente rilevante nella frequenza di esacerbazioni nei pazienti con una conta di 150 cellule per mcl o superiore al basale.
L'utilizzo di questo biomarcatore basale aiuterà a selezionare i pazienti con asma che sono in grado di raggiungere importanti esiti con Mepolizumab. ( Xagena2016 )

Ortega HG et al, Lancet Respiratory Medicine 2016; 4: 549-556

Pneumo2016 Farma2016


Indietro