Pneumobase.it
Tumore polmone
OncoPneumologia
Esmr

Studio STAMINA: titolazione di steroidi contro Mannitolo in asma persistente


È stata confrontata la titolazione di corticosteroidi per via inalatoria ( ICS ) contro la iperreattività bronchiale ( AHR ) al Mannitolo o una strategia di riferimento ( controllo ) sulla base dei sintomi, l'uso al bisogno e la funzione polmonare nelle cure primarie.

Un totale di 164 pazienti con asma persistente sono stati randomizzati in gruppi paralleli dopo una iniziale somministrazione di corticosteroidi per via inalatoria.
Le successive dosi di corticosteroidi per via inalatoria ( come Ciclesonide [ Alvesco ] ) sono state titolate contro la dose provocativa di Mannitolo, causando una diminuzione del 10% di FEV1 ( PD10 ) ( strategia della iperreattività bronchiale ) oppure contro un gruppo di controllo ( strategia di riferimento ) per un periodo di 1 anno.

Hanno completato lo studio 119 partecipanti ( n=61 AHR, n=58 controllo ).

Il tempo alla prima lieve esacerbazione non era significativamente differente ( hazard ratio, HR=1.29, P=0.40 ).

Anche se c’è stato il 27% in meno di esacerbazioni lievi totali nell’arco di 12 mesi nel gruppo di iperreattività bronchiale rispetto al gruppo di controllo ( n=84 vs n=115, P=0.03 ), non vi è stata alcuna differenza nelle riacutizzazioni gravi ( n=12 vs n=13 ).

Nessuna altra differenza significativa è stata osservata tra i gruppi, ad eccezione della dose di Mannitolo PD10 e della dose di corticosteroidi per via inalatoria.

C'è stata una differenza di 1.52 nella dose di raddoppio ( P=0.001 ) di Mannitolo PD10 tra gruppo di iperreattività bronchiale e gruppo di controllo.

La dose media giornaliera finale di Ciclesonide è stata superiore ( P minore di 0.0001 ) nei gruppi di iperreattività bronchiale, rispetto ai gruppi di controllo ( 514 microg vs 208 microg), senza alcuna significativa soppressione associata di cortisolo urinario / creatinina notturna.

Sono stati osservati miglioramenti significativi nel gruppo di iperreattività bronchiale, ma non nel gruppo di controllo per la concentrazione provocativa di Metacolina, che causa una caduta del 20% del FEV1 ( P minore di 0.05 ), proteina cationica eosinofila salivare ( P minore di 0.05 ), ossido nitrico esalato ( P minore di 0.05 ), sintomi ( P minore di 0.05 ) e uso al bisogno ( P minore di 0.001 ).

In conclusione, l’uso del Mannitolo è stato ben tollerato in un contesto di cure primarie.
L’utilizzo del Mannitolo ha comportato l'esposizione a una dose maggiore di Ciclesonide, che è stata associata a effetti dubbi sulla riacutizzazione senza associata soppressione surrenalica.
Sono ora necessarie sperimentazioni su larga scala utilizzando Mannitolo in pazienti con malattia più grave per definire ulteriormente il suo ruolo. ( Xagena2012 )

Lipworth BJ et al, Chest 2012; 141: 607-615


Pneumo2012 Farma2012


Indietro