GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
Xagena Mappa

Risankizumab, un anticorpo monoclonale anti-interleuchina-23p19, nell'asma grave


L'interleuchina-23 ( IL-23 ) è stata implicata nell'infiammazione delle vie aeree mediata dalle citochine di tipo 2 e di tipo 17.
Non è chiaro se i trattamenti mirati all'interleuchina-23 nel trattamento dell'asma migliorino il controllo della malattia e riducano l'infiammazione delle vie aeree.

È stato condotto uno studio di fase 2a, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di 24 settimane, a gruppi paralleli per valutare l'efficacia e la sicurezza di Risankizumab ( Skyrizi ), un anticorpo monoclonale anti-interleuchina-23p19, negli adulti con asma grave.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere 90 mg di Risankizumab oppure placebo, somministrati per via sottocutanea una volta ogni 4 settimane.

L'endpoint primario era il tempo al primo peggioramento dell'asma.

Il peggioramento dell'asma è stato definito come un peggioramento rispetto al basale per 2 o più giorni consecutivi; il deterioramento è stato considerato come una diminuzione di almeno il 30% del picco di flusso espiratorio mattutino o un aumento rispetto al basale di almeno il 50% del numero di erogazioni di farmaci di emergenza in un periodo di 24 ore ( equivalenti ad almeno quattro erogazioni aggiuntive ), una grave esacerbazione dell'asma o un aumento di 0.75 o più punti alla scala Asthma Control Questionnaire a 5 item ( ACQ-5; i punteggi vanno da 0 a 6, con punteggi più alti ad indicare un minore controllo ).
Gli endpoint secondari erano il tasso annualizzato di peggioramento dell'asma, il tasso annualizzato di riacutizzazioni gravi, il punteggio ACQ-5 e il volume espiratorio forzato in 1 secondo.
Gli endpoint esplorativi sono stati valutati con l'uso dell'analisi citologica dell'espettorato e dell'analisi dell'espressione genica ed è stata valutata la sicurezza.

In totale 105 pazienti hanno ricevuto Risankizumab e 109 hanno ricevuto placebo.
Le caratteristiche cliniche dei pazienti erano simili nei due gruppi.
Il tempo al primo peggioramento dell'asma è stato più breve con Risankizumab rispetto al placebo ( mediana, 40 giorni versus 86 giorni; hazard ratio, HR=1.46; P=0.03 ).

Il rate ratio per il peggioramento annualizzato dell'asma con Risankizumab rispetto al placebo è stato pari a 1.49 e il rate ratio per le riacutizzazioni gravi è stato 1.13.

L'analisi trascrittomica dell'espettorato ha mostrato che i geni coinvolti nell'attivazione delle cellule natural killer e delle cellule T citotossiche e l'attivazione dei fattori di trascrizione T helper di tipo 1 e T helper di tipo 17 erano down-regolati da Risankizumab.
Nessun problema di sicurezza è stato associato alla terapia con Risankizumab.

Il trattamento con Risankizumab non è stato utile nell'asma grave.
Il tempo al primo peggioramento dell'asma è stato più breve e il tasso annualizzato di peggioramento dell'asma è stato maggiore con Risankizumab rispetto al placebo. ( Xagena2021 )

Brightling CE et al, N Engl J Med 2021; 385: 385:1669-1679

Pneumo2021 Farma2021


Indietro