Pneumobase.it
OncoPneumologia
Esmr
Tumore polmone

Reslizumab per l'asma non-controllata in modo adeguato con elevata conta degli eosinofili nel sangue


Numeri elevati di eosinofili nel sangue sono un fattore di rischio per le riacutizzazioni di asma.
Reslizumab ( Cinquil ) è un anticorpo monoclonale umanizzato anti-interleuchina 5 ( IL-5 ), che interrompe la maturazione degli eosinofili e promuove la morte cellulare programmata.

Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Reslizumab in pazienti con asma moderata-grave non-controllata adeguatamente.

Sono stati effettuati due studi multicentrici, in doppio cieco, a gruppi paralleli, randomizzati, controllati con placebo, di fase 3.
Entrambi gli studi hanno arruolato pazienti con asma di età compresa tra 12 e 75 anni ( da 128 Centri di ricerca clinica nello studio 1 e 104 Centri nello studio 2 ) provenienti da Asia, Australia, Nord America, Sud America, Sud Africa ed Europa, la cui asma era stata controllata in modo inadeguato da dosi medio-alte di terapia a base di corticosteroidi per via inalatoria e che avevano una conta di eosinofili nel sangue di 400 cellule per mcL o superiore, e una o più esacerbazioni nell'anno precedente.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Reslizumab per via endovenosa ( 3.0 mg/kg ) oppure placebo ogni 4 settimane per 1 anno.
I pazienti e i ricercatori non erano a conoscenza del trattamento assegnato durante lo studio.

Ogni paziente ha ricevuto un volume specifico del farmaco in studio ( Reslizumab o placebo ) sulla base del proprio peso corporeo e del gruppo di trattamento di appartenenza.

L'esito primario era la frequenza annua delle esacerbazioni asmatiche cliniche ed è stata analizzata per intention to treat.
Sono stati valutati i risultati di sicurezza nei pazienti che avevano ricevuto una o più dosi del farmaco.

Lo studio 1 è stato effettuato tra il 2011 e il 2014 e lo studio 2 tra il 2011 e il 2014.

Dei 2.597 pazienti esaminati, 953 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Reslizumab ( n=477, 245 nello studio 1 e 232 nello studio 2 ) oppure placebo ( n=476, 244 e 232 ).

In entrambi gli studi, i pazienti trattati con Reslizumab hanno presentato una significativa riduzione della frequenza delle esacerbazioni asmatiche ( studio 1: rate ratio, RR=0.50; studio 2: RR=0.41; entrambi P minore di 0.0001 ) rispetto a quelli trattati con placebo.

Gli eventi avversi comuni con Reslizumab erano simili a quelli con placebo.
Gli eventi avversi più comuni sono stati peggioramento dei sintomi dell'asma ( 127 [ 52% ] per il placebo e 97 [ 40% ] per Reslizumab nello studio 1; 119 [ 51% ] per il placebo e 67 [ 29% ] per Reslizumab nello studio 2 ), infezioni del tratto respiratorio superiore ( 32 [ 13% ] e 39 [ 16% ]; 16 [ 7% ] e 8 [ 3% [ ) e nasofaringite ( 33 [ 14% ]e 28 [ 11% ]; 56 [ 24% ] e 45 [ 19% ] ).
2 pazienti nel gruppo Reslizumab hanno manifestato reazioni anafilattiche; entrambi hanno risposto al trattamento standard con risoluzione del problema, e i pazienti sono stati ritirati dallo studio.

Questi risultati sono a sostegno dell'uso di Reslizumab nei pazienti con asma ed elevata conta degli eosinofili nel sangue che non sono adeguatamente controllati con terapia a base di corticosteroidi per via inalatoria. ( Xagena2015 )

Castro M et al, Lancet 2016;3:355-366

Pneumo2015 Farma2015


Indietro